Zenzero: proprietà, benefici, usi, controindicazioni e consigli

Lo zenzero è una spezia molto utile per la salute. Scopri in questo articolo le proprietà dello zenzero, i benefici per la salute, come usare lo zenzero, alcuni consigli e le controindicazioni dello zenzero.

0
90
Zenzero: proprietà, benefici, usi, controindicazioni ed effetti collaterali. Lo zenzero è una spezia rivitalizzante e stimolante, molto utile per dimagrire, contro la nausea e per migliorare la digestione. Scopriamo le proprietà dello zenzero, i benefici per la salute, come usarlo e le controindicazioni.

Zenzero, quanto ne abbiamo sentito parlare? Conosciamo tutte le sue virtù? Questo scrigno di preziose proprietà, dovrebbe davvero diventare parte integrante della nostra dieta, perché lo zenzero è un vero e proprio medicamento naturale. Rivitalizza, ringiovanisce, aiuta l’organismo, insomma ne basta davvero poco per trarne tanti benefici. Provare per credere!

Zenzero: proprietà e benefici

ATTENZIONE: le informazioni di seguito riportate non hanno valenza di prescrizione medica. Pertanto s’invita chi legge a rivolgersi al proprio medico prima di assumere qualsiasi rimedio naturale, specie se si è affetti da disturbi cronici o se si ha a che fare con anziani e bambini, donne in gravidanza ed in allattamento.

Questa spezia ha una storia molto lunga e la conoscenza medica che se ha, va recuperate nell’Oriente di millenni fa.

Inizialmente usato come spezia, si scoprì ce se ne poteva fare degli impacchi per alleviare dolorosi articolari e muscolari, questa scoperta venne fatta nell’ambito della box thailandese.

A seguire si scoprì che contrastava gli stati di debolezza e che lo si poteva usare contro la nausea e per facilitare la digestione.

In Birmania il decotto con succo di palma è utilizzato contro l’influenza, in Cina il tè di zenzero viene consigliato contro il raffreddore. In Congo miscelato con la linfa dell’albero di mango è utilizzato contro tutti i disturbi, in India si applica un impasto di zenzero sulle tempie per alleviare il mal di testa. Nelle Filippine si prepara il salabat con zucchero e zenzero contro il mal di gola.

Lo zenzero nella Ayurvedica, è collegato all’elemento Fuoco (Agni) collegato dunque alla milza, ragion per cui lo si utilizza fresco contro affaticamento, per alleviare il mal di denti, i dolori reumatici, il raffreddore, la malaria e per “spegnere” l’umidità che si manifesta con eccesso di catarro e problemi gastrointestinali.

Valori nutrizionali e principi attivi dello zenzero

I valori nutrizionali per 100 grammi di radice di zenzero:

  • Grassi 0,8 g
  • Acidi grassi saturi 0,2 g
  • Acidi grassi polinsaturi 0,2 g
  • Acidi grassi monoinsaturi 0,2 g
  • Sodio 13 mg
  • Potassio 415 mg
  • Carboidrati 18 g
  • Fibra alimentare 2 g
  • Zucchero 1,7 g
  • Proteina 1,8 g
  • Vitamina A 0 IU
  • Vitamina C 5 mg
  • Calcio 16 mg
  • Ferro 0,6 mg
  • Vitamina B6 0,2 mg
  • Magnesio 43 mg

Non contiene colesterolo, né vitamina D né vitamina B12.

Fra i principi attivi citiamo zingiberene, che si trova nell’olio essenziale, gingeroli, shogaoli (che conferiscono il sapore piccante), resine e mucuillagini.

Proprietà e benefici dello zenzero

Vediamo quali sono queste famose proprietà dello zenzero:

  • Antiemetico, è stato scientificamente provato che contrasta la nausea (armatevi di caramelle allo zenzero o di zenzero candito se dovete affrontare un lungo viaggio in auto, o di nave e via dicendo)
  • Protegge la mucosa gastrica e pare avere un effetto positivo anche sulla digestione e sull’intestino;
  • Migliora i dolori ossei e muscolari poiché antinfiammatorio;
  • Alcuni studi mostrano che lo zenzero è efficace nel ridurre i sintomi dell’osteoartrosi, che è un problema di salute molto comune;
  • Contrasta l’alitosi;
  • Protegge il cuore;
  • Alcuni studi suggeriscono che questa spezia può proteggere dai danni causati dall’età al cervello;
  • Rafforza le difese immunitarie ed è utile come rimedio naturale contro il raffreddore;
  • Aiuta a lenire i dolori mestruali, intestinali e del mal di testa;
  • E’ stato scientificamente dimostrato che lo zenzero può portare a significative riduzioni del colesterolo LDL e dei livelli di trigliceridi nel sangue;
  • Antiossidante, aiuta a contrastare l’azione dei radicali liberi;
  • Antipiretica, aiuta ad abbassare la febbre;
  • Carminativo, molto utile contro dispepsia e coliche;
  • Ottimo per curare la diarrea, specie in caso di tossine poiché lo zingerone le contrasta;
  • E’ consigliato in caso di diabete per tenere sotto controllo i valori della glicemia;
  • E’ stato scientificamente provato che lo zenzero aiuta a dimagrire perché è un brucia grassi naturale, grazie all’azione del gingerolo che stimola il metabolismo con effetti termogenici;
  • Calma la tosse ed ha un effetto espettorante in quanto aiuta a fluidificare il catarro.

Zenzero: usi e consigli

Ecco come usare lo zenzero ed alcuni consigli per trarre benefici da questa spezia.

Quanto zenzero si può consumare ogni giorno?

Il consiglio è quello di assumerne non più di 30 gr. In caso di zenzero in polvere non più di 4 gr al giorno.

Attenzione però, va introdotto pian piano perché ha un sapore a cui ci si deve abituare.

Se non è tollerabile in forma naturale si può sempre optare per un integratore.

Come introdurre lo zenzero nell’alimentazione quotidiana?

Possiamo iniziare grattugiandone una piccola quantità sulla carne o su un risotto. Possiamo bere una tisana allo zenzero a fine pasto o preparare un dolce.

Possiamo masticarne un pezzettino a bisogno o ancora assaggiarlo insieme al sushi.

Consigli per l’acquisto e la conservazione

In primis puntare sullo zenzero biologico, se riuscite a coltivarvelo anche meglio. Questa radice si conserva in frigo sia fresca che in polvere in un contenitore scuro.

Lo zenzero prima d’esser utilizzato va lavato bene e pelato.

Quando lo acquistate assicuratevi che non vi siano parti muffite o avvizzite.

Rimedi naturali con lo zenzero

Passiamo ai rimedi naturali:

  • In caso di nausea, assumere poco zenzero candito oppure una caramella o masticarne un pezzettino. Portarsi sempre dietro due pastiglie di zenzero nei viaggi, in alternativa respirare qualche goccia di olio essenziale versata in un fazzoletto.
  • Contro il mal di testa, applicare un impacco di zenzero sulle tempie idem contro dolori articolari o muscolari.
  • Per i muscoli indolenziti effettuare un massaggio con l’olio di zenzero.
  • In caso di catarro fare suffumigi con olio di zenzero o bere la tisana o un cucchiaio di sciroppo, in caso di tosse optare per una caramella.
  • Se soffrite di digestione lenta masticate un pezzetto di zenzero, o bevete la tisana a fine pasto, rimedio ottimale anche per dimagrire. Per la digestione lenta si consiglia un bicchierino di liquore di zenzero.
  • Aiuta a contrastare la caduta dei capelli, si utilizza il succo fresco per preparare gli impacchi.

Ricette con lo zenzero

Non stiamo affrontando il discorso dell’uso in cucina bensì dell’uso medicamentoso.

Ecco qualche ricetta che può tornarvi utile.

Tisana allo zenzero

Occorrente: un pezzetto di zenzero tagliato in due, una tazza di acqua.

Fate bollire una tazza d’acqua con lo zenzero. Dopo 5 minuti, spegnere, coprire ed attendere una decina di minuti. Filtrare e bere.

Impacco di zenzero contro i dolori articolari

Occorrente: sale grosso, un pezzo di zenzero fresco, 1 cucchiaio di chiodi di garofano e gel d’aloe vera.

Pestare nel mortaio i chiodi di garofano ed il sale grosso. Frullare lo zenzero con il gel d’aloe. Aggiungere sale e chiodi di garofano e frullare nuovamente. Applicare sulla parte dolorante per almeno un’ora.

Cataplasma di zenzero e aceto contro il mal di testa

Occorrente: zenzero fresco, aceto.

Frullare un pezzo di zenzero fresco con poco aceto. Applicare sulle tempie fino ad alleviamento del dolore.

Cataplasma di zenzero e patate contro il mal di testa

Occorrente: mezza patata cruda e un pezzo di zenzero.

Frullare zenzero e patate, previa sbucciatura, ed applicare sulle tempie fino ad alleviamento del dolore.

Succo di zenzero contro la caduta dei capelli

Occorrente: zenzero fresco.

Frullare lo zenzero fresco e con un pennello applicare sulla cute, alla radice dei capelli per rinforzarli e prevenirne la caduta.

Tè allo zenzero e spezie

Occorrente: un cucchiaino di tè nero, un pezzetto di zenzero, mezza stecca di cannella, 4 semi di cardamomo.

Far bollire l’acqua, spegnere, porvi dentro tè, zenzero e spezie. Lasciare in infusione 10 minuti, filtrare e bere. Ottimo come energetico, rivitalizzate e contro la diarrea o i disturbi di stomaco.

Centrifugato dimagrante ed abbronzante

Occorrente: 200 gr di ananas, 3 carote, 20 di zenzero fresco.

Pulire i tre ingredienti e centrifugarli. Bere a digiuno la mattina prima di colazione.

Gel lenitivo contro i geloni e i dolori

Occorrente: 3 gocce olio essenziale di zenzero, 50 ml di olio di cocco, 4 gocce di olio essenziale di calendula.

Miscelare gli oli ed applicare sulla zona zolorante. Ottimo anche contro le contratture muscolari. Si può applicare su: articolazioni, ventre, schiena, muscoli e collo.

Sciroppo allo zenzero

Occorrente: 550 d’acqua, g 175 di zenzero fresco grattugiato e mezzo vasetto di miele di eucalipto.

Far bollire l’acqua e lo zenzero. Spegnere, coprire e lasciar riposare per un giorno. Filtrare ed aggiungere il miele. Conservare in frigo. Ottimo contro tosse e catarro. Se lo si allunga con poca acqua si ottiene una bevanda dissetante.

Liquore allo Zenzero

Occorrente: 300 ml di alcool per liquori ad uso alimentare, 70 g di zenzero fresco, 400 ml di acqua, 300 g di zucchero semolato ed un vasetto di vetro con chiusa ermetica.

Sbucare e tritare lo zenzero, porlo a macerare nell’alcol. Agitare una volta al giorno. Dopo 35 giorni filtrare. In una pentola versare l’acqua, aggiungere lo zucchero e far cuocere a fuoco medio mescolando in continuazione per farlo sciogliere e sino ad ottenere uno sciroppo non molto denso. Calcolare circa 15 minuti dal bollore. Far raffreddare bene lo sciroppo. Unire alcool filtrato allo sciroppo. Imbottigliare e far riposare 10 giorni.

Caramelle allo zenzero

Occorrente: 2 cucchiai zucchero di canna, 1 cucchiaio di acqua, 1 cucchiaino di succo di limone, 1/2 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato ed 1 cucchiaino di miele.

Portare a bollore lo zucchero, l’acqua, il succo di limone, e lo zenzero e il miele e miscelare gli ingredienti. Dopo due minuti far colare un po’ di liquido su un piatto se caramellizza è pronto. Versate le gocce con un cucchiaio su carta da forno e lasciate freddare. Staccate e conservate in scatoline di latta apposite.

Zenzero: controindicazioni ed effetti collaterali

Un consumo regolare è sconsigliato a chi soffre di calcoli, a chi assume farmaci in particolare gli anticoagulanti e gli antiaggreganti piastrinici, rischierebbe infatti di potenziarne troppo l’efficacia.

Può provocare allergie cutanee.

Non è sempre idoneo per chi soffre di reflusso gastrico, gastriti ed ulcere.

L’ olio essenziale di zenzero può causare irritazioni cutanee e allergie. Se ingerito eccessivamente, può provocare dolori allo stomaco.

Se non è ben masticato lo zenzero fresco può causare blocco intestinale.

Prima di utilizzarlo in gravidanza e durante l’allattamento chiedere al medico. Non somministrare ai bambini.

Zenzero: cenni botanici e storici, curiosità e come coltivarlo

Il nome botanico è Zingiber officinale, pianta erbacea perenne della famiglia delle Zingiberaceae.

Cenni botanici

Proviene dall’India ma è coltivata in tutta la fascia tropicale e subtropicale. Può raggiungere il metro e cinquanta di altezza, possiede una radice carnosa e ramificata, da questi steli spuntano foglie lanceolate e poi fiori di un giallo-verde con macchie porpora similari ad una spiga. La radice si coglie quando la pianta ingiallisce.

Curiosità

Recentemente uno studio americano ha paragonato le proprietà dello zenzero a quelle di un farmaco antiemetico, la metoclopramide.

Il famoso omino di zenzero, che compare in Shrek, altro non è che una fiaba anglosassone per bambini.

Cenni storici

Da millenni, in Asia, lo zenzero è noto per le sue proprietà curative tanto da essersi guadagnato il nome di radice della salute.

Quindi si è certi di un’antica presenza nella medicina cinese, che giunse poi agli Arabi per arrivare ai Greci ed ai Romani. Sappiamo inoltre che era un rimedio noto anche in epoca medievale.

Come coltivare lo zenzero

Va coltivato da fine inverno ad inizio estate.

Si prende una radice con più germogli e la si seziona in più parti per ottenere diverse piantine.

Si raccogliere dopo circa 6 mersi. Ricordate che non ama le basse temperature, ma predilige i climi umidi e caldi, quindi non ama il sole diretto e tanto meno le escursioni termiche.

Si può coltivare:

  • In vaso, sceglietene uno largo e profondo, coprite il fondo con un sacco e con terriccio fertile. Sotterrate le radici non troppo in profondità. Annaffiate 1 volta al giorno con uno spruzzino in modo da tenere il terreno e la pianta sempre umidi.
  • Nel sacco, stessa cosa, prima ci va il terriccio, poi la radice nascosta dal terriccio ma non in profondità. Il sacco va posto in un bidone ed innaffiato regolarmente.
  • In un bidone, forate il fondo per il drenaggio, riempite per metà di terriccio quindi posizionate i rizomi come sopra descritto ed annaffiate con lo spruzzino.

Vi piace lo zenzero? Cosa ne pensate delle sue proprietà? Avete sperimentato qualche ricetta per utilizzare lo zenzero come rimedio naturale?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here