Pancia gonfia: cause, rimedi naturali e dieta consigliata

0
182
Pancia gonfia: cause e rimedi naturali. Scopri le cause della pancia gonfia e dura, cosa fare, cosa mangiare, i cibi da evitare, come prevenire la pancia gonfia e dolorante e i migliori rimedi naturali contro il gonfiore addominale.

A volte si fanno tanti sforzi per perdere peso, per tornare in forma magari dopo una gravidanza, sognando curve perfette e una bell’addome scolpito e piatto, eppure nonostante la dieta e le sedute in palestra e dall’estetista c’è sempre un problema: la pancia gonfia.

La pancia gonfia e dura, generalmente è legata a una sovra produzione di gas intestinali. Infatti, mentre una certa quantità di fermentazioni intestinali costituisce un fenomeno fisiologico indispensabile per la digestione di cibi, spesso tale produzione di gas nell’intestino assume dimensioni veramente fastidiose, generando la cosiddetta “pancia gonfia”.

Pancia gonfia: le cause

Molte possono essere le cause di una eccessiva fermentazione intestinale, e quindi dell’aumento di volume dell’addome.

Le intolleranze alimentari sono una delle più note cause della pancia gonfia e dura, così come il consumo di bevande alcoliche durante i pasti, o una grave alterazione della flora batterica intestinale.

Ma anche una errata combinazione di cibi nello stesso pasto e una masticazione insufficiente possono essere colpevoli di problemi digestivi.

Altre volte, la pancia gonfia può nascondere patologie gravi – quali cancro al colon, gastroenterite – o meno gravi, come la sindrome del colon irritabile che è molto comune soprattutto nella popolazione femminile.

Infine, una cattiva gestione dello stress e quindi una somatizzazione delle esperienze di maggior tensione può essere alla base della formazione di gonfiore intestinali.

In generale questo spiacevole disturbo è collegato al rallentamento del transito del cibo nell’intestino.

Pancia gonfia: i sintomi

A seconda della gravità del disturbo – che può presentarsi in modo assiduo oppure invece essere assolutamente passeggero, legato magari ad un’abbuffata – i sintomi della pancia gonfia e dura possono essere vari, e presentarsi in forma più o meno grave.

Tra questi i più comuni sono stispi e diarrea alternate, dolori e crampi addominali, tensione addominale, nausea.

A volte è possibile anche che si manifestino eruttazione, vomito e mal di testa.

Pancia gonfia e dura: i rimedi naturali

Innanzitutto bisogna rivalutare il ruolo di una buona masticazione dei cibi nella attenuazione e risoluzione di molti problemi digestivi. Masticare a sufficienza è un requisito fondamentale perché anche altre e più sofisticate terapie possano essere veramente efficaci.

Per alleviare i sintomi della pancia gonfia e dura preparate un infuso a base di camomilla, cumino, finocchio, ginepro e menta, alimenti che aiutano la digestione, il rilassamento e l’assorbimento di gas in eccesso. Innanzitutto miscelate i componenti – che vi sarete procurati in erboristeria – in parti uguali. A seguire ponete 1 cucchiaino in infusione per 15 minuti in una tazza di acqua ben calda, filtrate e bevete dopo i pasti. E’ importante non aggiungere zucchero, che è tra gli alimenti da sconsigliare in quanto provoca tipicamente fermentazione a livello addominale. Se desiderate potete aggiungere un cucchiaino di miele come dolcificante naturale.

Anche una cura a base di argilla può rivelarsi molto utile nei casi di fastidioso gonfiore addominale. Ponete un cucchiaino di argilla in un bicchiere d’acqua. Lasciate riposare per otto ore e bevete una volta al giorno per 15-20 giorni. Si tratta di una cura molto efficace.

Il mirtillo rosso (vaccinium vitis idaea) è conosciuto per le sue proprietà di regolazione delle funzioni intestinali. E’ ottimo nei casi di gonfiore addominale, soprattutto se legato a sindrome da colon irritabile. Le sue gemme sono disponibili sotto forma di gocce, vanno assunte 50 gocce due volte al giorno.

Di aiuto contro la pancia gonfia può essere anche lo zenzero: conosciuto per le sue proprietà digestive supporta le fasi di digestione e diminuisce così la possibilità di sviluppo dei gas addominali. Subito dopo i pasti o quando ci si sente gonfi bevete una tazza di tisana di zenzero, oppure assumetelo in capsule o in tintura. Per preparare la tisana procuratevi dello zenzero fresco, sbucciatelo e tagliate 2-3 pezzetti. Metteteli a bollire per 5 minuti insieme a una tazza d’acqua e sorseggiate dopo aver aggiunto qualche goccia di succo di limone, e magari un cucchiaino di miele.

Si pensa in genere alla camomilla come a qualcosa di utile in caso di insonnia. In realtà, questa pianta ha proprietà antispasmodiche e rilassanti della muscolatura. Essa possiede anche doti antinfiammatorie, che la rendono utile a livello di mucosa di stomaco e intestino, e agisce positivamente in presenza di eccesso di gas intestinali. E così essa può migliorare la digestione, alleviare l’infiammazione intestinale, favorire la mobilità. Va assunta in forma di tisana realizzata con fiori secchi. E’ possibile berne più tazze al giorno, anche quando si avvertono i sintomi, per un sollievo immediato.

Infine, le essenze di neroli, camomilla e lavanda contribuiscono ad allentare i crampi e le tensioni addominali. E’ possibile sia usarle separatamente sia in combinata tra loro, aggiungendole per esempio a un bagno caldo. Può essere un’ottima idea anche aggiungerle a olii da massaggio, per praticarlo a livello addominale. E’ sufficiente usare un tocco molto leggero ed effettuare dei cerchi in senso antiorario per sentire un miglioramento nei sintomi.

Pancia gonfia: l’alimentazione consigliata

Inutile dire che l’alimentazione è fondamentale sia nella cura sia nella prevenzione della pancia gonfia. Scopriamo cosa mangiare quando si ha la pancia gonfia e dura e gli alimenti da evitare.

Tra gli alimenti da consigliare la papaia allevia l’irritazione del tubo digerente e presenta un elevato contenuto di enzimi che agevolano la digestione del cibo.

Anziché mettere a dura prova l’apparato digerente consumando pasti abbondanti si consiglia di mangiare poco e spesso durante la giornata.

Se la digestione non è efficiente rispetto al solito si provi ad inserire alimenti più facilmente digeribili nella dieta, quali minestre, brodo e verdure cotte al vapore.

Se si sospetta che un certo alimento ci provochi gonfiore addominale è il segno che il corpo vuole dirci qualcosa. In questo caso evitate tale cibo per un po’, può essere che abbiate sviluppato un’intolleranza.

Fagioli, latte vaccino, zucchero e cibi speziati sono i responsabili più comuni della pancia gonfia, quindi evitateli il più possibile, soprattutto nelle fasi acute. Tuttavia, un buon consiglio è quello di annotarsi cosa si è consumato quando si sono verificati i sintomi e provare a isolare l’alimento cattivo. In questo modo lo si potrà evitare il più possibile per avere un immediato miglioramento.

Una dieta ad elevato consumo di fibre è fondamentale, anche quando dovessero presentarsi sintomi come la diarrea. Le fibre infatti aiutano a regolare l’intestino e a calmare l’apparato digerente. Quindi consumate cereali integrali, verdure cotte e crude e legumi – ad esclusione dei fagioli.

Evitate carne rossa, cibi fritti, burro e margarina, insieme a tutti i grassi idrogenati e saturi. Tutti questi cibi sono difficili da digerire. Anche i latticini, il cioccolato, le farine raffinate e i cibi preconfezionati vanno evitati perché favoriscono la formazione di muco.

Infine, la caffeina, l’alcol, i cibi speziati e il tabacco irritano la mucosa gastrica e pertanto è bene eliminarli.

Consigli utili contro la pancia gonfia

Bere almeno due litri di acqua al giorno è fondamentale, quindi portatevi sempre una bottiglia d’acqua al lavoro e assicuratevi che sia vuota a fine giornata.

Siccome i disturbi intestinali possono impoverire la flora batterica è importante reintegrarla consumando quotidianamente alimenti contenenti fermenti vivi quale lo yogurt. Altrimenti esistono in commercio probiotici in forma di granulare o capsule che sono immediatamente assimilabili dall’organismo.

Quando si manifestano tensione e crampi a livello intestinale mettetevi in posizione distesa e applicate una borsa dell’acqua calda sull’addome.

La regola d’oro è di ascoltare il proprio corpo, che vi sta segnalando un disagio. Non cercate solo di alleviare i sintomi, andate a fondo del problema così da risolverlo e lasciarvi alle spalle fastidiose patologie.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here